#arteecultura

C’è Cariplo… Per la Cultura!

La congiuntura economica in cui si troverà l’Italia per effetto della pandemia da Covid-19 potrebbe essere paragonabile a quella del 1945. Un’emergenza di tali proporzioni rende concreto il rischio che la ripartenza del settore culturale passi in secondo piano, nonostante la gravità delle perdite subìte. In particolare, appaiono preoccupanti le conseguenze della recessione sull’occupazione, sia all’interno del settore sia nei comparti collegati, a partire dal turismo e dai servizi connessi alla cultura, messi a dura prova in questi mesi dalla completa assenza di target quantitativamente rilevanti.

La ferita provocata dalla pandemia minaccia inoltre la partecipazione alla vita culturale, aggravando i divari socio-economici già esistenti, e limitando le reali possibilità di accesso ai processi di fruizione e produzione culturale. Per le persone travolte dalla crisi economica, la cultura perde comprensibilmente di interesse e in particolare le fasce più giovani della popolazione rischiano di restare gravemente escluse dai processi educativi e culturali, con effetti irrimediabili sul loro futuro.

Fondazione Cariplo, attraverso questo bando Per la Cultura, eccezionale per caratteristiche e per dotazione economica, rivolto a tutti gli operatori del settore, da quelli pubblici a quelli privati non profit, intende ribadire con decisione l’importanza fondamentale della cultura per il benessere delle persone e per lo sviluppo delle comunità. In particolare, il bando si propone di:

  • promuovere nuove forme di partecipazione alla vita culturale e di rigenerazione delle identità locali, con una particolare attenzione alle fasce di popolazione con minori opportunità;
  • sostenere la capacità degli operatori culturali di innovare le proprie modalità di funzionamento e di organizzazione dell’offerta in un’ottica di sviluppo sostenibile dei territori e delle comunità.

Le due parole chiave proposte dalla Fondazione per la ripartenza dei luoghi della cultura e il riavvio delle attività sono Prossimità, per un rinnovato coinvolgimento dei pubblici, e Creatività, per il ripensamento delle attività di produzione e di organizzazione delle iniziative culturali.

Il bando propone un livello di cofinanziamento molto più vantaggioso del solito (fino al 75% dei costi complessivi dei progetti) e due scadenze entro fine anno (29 settembre e 15 dicembre 2020) così da permettere a tutti gli operatori del settore di candidare iniziative coerenti e sostenibili.

Il bando Per la Cultura e un documento di FAQ è disponibile QUI.

Il 7 settembre alle ore 11 è prevista una presentazione streaming del bando “Per la Cultura”. 

Photo credit: unsplash

correlate

arteecultura

Presidente Fosti Triennale

È proprio nella crisi che abbiamo bisogno di Cultura

Il Presidente Fosti all'incontro La Terra vista dalla Luna in Triennale
Leggi tutto

Per l’elenco delle aree operative, Clicca qui