Inserimento lavorativo - PdA 12

"Favorire l'inserimento lavorativo di persone svantaggiate"


Il lavoro è un diritto sancito dalla nostra costituzione e, com’è unanimemente riconosciuto, svolge un ruolo primario nella vita di ogni persona; infatti, oltre a garantire un reddito, favorisce la costruzione e il riconoscimento di un’identità personale e professionale, indispensabile per realizzare l’inclusione nella rete sociale. Tuttavia vi sono persone che, per diversi motivi, si trovano a vivere ai margini del mercato del lavoro, poiché faticano ad accedervi o a rientrarvi e, per questo, sono svantaggiate.
In Italia il più articolato sistema per il recupero e il reinserimento lavorativo di persone svantaggiate è rappresentato dalle imprese sociali e dalle cooperative sociali di inserimento lavorativo. Tuttavia, questo sistema ha evidenziato negli ultimi anni alcuni segnali di debolezza, che l’attuale crisi ha contribuito a incrementare, che ne hanno condizionato la crescita e ridotto la capacità di assorbire lavoratori svantaggiati.

 


OBIETTIVI

Il Piano di Azione 12 ha lo scopo di favorire l’inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone svantaggiate, con una specifica programmazione, indirizzata a:

  1. sperimentare l’efficacia e l’efficienza di nuove politiche attive del lavoro per favorire l’occupazione di quelle categorie di persone che presentano le maggiori criticità d’ingresso e tenuta nel mercato del lavoro;
  2. sviluppare e rafforzare le imprese sociali, per consolidare e incrementare il numero e la qualità degli inserimenti lavorativi di persone svantaggiate;
  3. favorire il passaggio dei soggetti svantaggiati da forme di lavoro “protetto” all’interno d’imprese sociali all’impiego in aziende del mercato del lavoro ordinario.

I Progetti