Seveso: La casa del custode

Seveso (Monza e Brianza) – Villa Dho: da casa padronale a casa aperta

Villa Dho ha una lunga storia alle spalle. Situata sull’Altopiano della comunità di Seveso, prende il nome dalla famiglia che ha iniziato a vivere nelle sue stanze dalla fine del Settecento. Era una casa padronale ma ha cambiato pelle negli anni Novanta dello scorso secolo. L’ultimo erede, Gianluca Dho, ha donato al comune gli spazi dello stabile, e del parco che lo circonda, con la clausola di usarli per fini assistenziali e culturali. Dal momento della donazione, l’area è diventata lo scenario di una fervente vita cittadina grazie a diverse realtà patrimonio storico della comunità. Villa Dho, dopo i venti anni in cui era rimasta disabitata, nel 2000 è stata presa in comodato d’uso dall’associazione Natur&-Onlus, che ha permesso il mantenimento del bene. Ora il progetto è ristrutturare la Casa del Custode – la zona, disabitata da più di dieci anni, corrispondente alle antiche stalle – per usarla come abitazione, e luogo di accoglienza, nell’obiettivo di ampliare la rete di privato sociale. E questo coinvolgendo la cittadinanza, con una particolare attenzione rivolta alle nuove generazioni, per trasformare uno spazio da cui la popolazione era esclusa un luogo di incontro, un bene comune a disposizione di tutti e di cui la comunità potrà prendersi cura.

www.fondazionemonzabrianza.org

 

Video e testo a cura degli studenti del Master in Giornalismo della Scuola “Walter Tobagi” di Milano 

Le storie

Seveso beni comuni

A Seveso uno spazio aperto a cittadini e associazioni per (ri)vivere il territorio.

Leggi Villa Dho, una casa per tutti di Sara Del Dot, Marta Facchini, Ambra Orengo, Giulia Riva