Spazi aperti

La banca dati “Spazi Aperti” è stata creata da Fondazione Cariplo con due obiettivi:

- raccogliere i progetti che hanno ottenuto un contributo attraverso i bandi “Qualificare gli spazi aperti in ambito urbano e periurbano” (edizioni 2010-2011) e “Salvaguardare gli spazi aperti in ambito urbano e periurbano – Interventi realizzativi” (edizioni 2012-2013)
- diffondere gli esiti del progetto "Effetti ambientali dei cambiamenti di uso e copertura del suolo in Lombardia e nelle province di Novara e Verbania", promosso da Fondazione Cariplo e condotto dal Dipartimento di Architettura e Pianificazione del Politecnico di Milano.

Per spazi aperti si intendono le aree non edificate e non urbanizzate che si trovano dentro o ai margini dei centri urbani, indipendentemente dalla loro funzione o destinazione d’uso. Queste aree, prevalentemente naturali e agricole, subiscono un processo di erosione continuo a causa del processo di urbanizzazione, spesso governato dalle Amministrazioni locali con scarso rispetto dell’ambiente. A partire dal 2010, Fondazione Cariplo si è impegnata a supportare gli enti pubblici locali nel promuovere la salvaguardia degli spazi aperti e nel contrastare il consumo di suolo. Più nello specifico:

- il bando “Qualificare gli spazi aperti” sosteneva la redazione di studi di fattibilità mirati a mantenere o restituire alle proprie funzioni (ambientali, agricole, sociali) spazi aperti di particolare importanza e la realizzazione di un censimento degli spazi aperti a rischio di edificazione o urbanizzazione o in stato di degrado nel territorio di riferimento del progetto;

- il bando “Salvaguardare gli spazi aperti” è stato concepito per consentire la vera e propria realizzazione degli interventi individuati negli studi di fattibilità precedentemente finanziati.