CERES

Premessa: L’accordo Fondazione Cariplo - Agropolis Fondation

La collaborazione tra Fondazione Cariplo e Agropolis Fondation è iniziata nel corso del 2011, a seguito di contatti informali in ambito EFC. Sulla base del condiviso interesse per i temi della ricerca in ambito agroalimentare, le due Fondazioni siglano un primo accordo nel settembre 2011, per il sostegno congiunto di attività di ricerca in collaborazione tra scienziati italiani, francesi e di paesi in via di sviluppo, nella convinzione che la condivisione di risorse economiche, umane e strumentali permetta di ottenere risultati di maggiore impatto.

Viene quindi co-disegnato il Bando FIRST - French Italian Rice Science Technology partnership per finanziare la ricerca sul riso, con l’obiettivo di migliorarne qualitativamente e quantitativamente la produzione, in maniera più efficiente e sostenibile dal punto di vista ambientale e con ricadute attese per i paesi più poveri dell’area mediterranea e del sud del mondo. Il budget messo a disposizione, in maniera paritetica da parte delle due fondazioni, ammontava a 2 milioni di euro.

Bando CERES

A seguito della proficua esperienza con il primo Bando congiunto lanciato nel 2012, la collaborazione prosegue con il lancio del Bando CERES, per il sostegno di progetti condivisi tra ricercatori italiani, francesi e di paesi emergenti/in via di sviluppo con il fine di favorire ricerca utile al miglioramento delle produzioni cerealicole, prestando particolare attenzione agli aspetti legati allo sviluppo sostenibile e alla salvaguardia delle risorse ambientali. Il Bando è stato pubblicato lunedì 3 giugno, con scadenza 13 settembre 2013.

Complessivamente sono pervenute 16 richieste di contributo. La valutazione di merito è stata condotta con il coinvolgimento di esperti esterni (né italiani, né  francesi), che hanno certificato la completa assenza di conflitti di interesse rispetto alle proposte progettuali in esame. Sono stati privilegiati i progetti che si sono distinti per: qualità scientifica, effettiva integrazione tra i partner, interdisciplinarietà e integrazione della ricerca proposta, rilevanza in merito ad aspetti socio-economici, coinvolgimento di stakeholder locali (es. agricoltori e comunità), valore aggiunto del contributo delle due Fondazioni.

La graduatoria finale è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione delle due Fondazioni nel dicembre 2013, con delibera di 4 contributi a favore di altrettanti progetti, per un importo complessivo pari a 2 milioni di euro, compartecipati dalle due Fondazioni.