#arteecultura

Novara: Sentieri di luce. In cammino con Morbelli e Nunes Vais

Morbelli Angelo, Battello sul Lago Maggiore

Sentieri di luce. In cammino con Morbelli e Nunes Vais è un percorso pittorico di 49 opere che svela la varietà, la ricchezza e la qualità delle raccolte d’arte di Fondazione Cariplo e dei Musei Civici - Galleria Giannoni. I pittori Angelo Morbelli e Italo Nunes Vais sono le due guide d'eccellenza che ci introducono e ci accompagnano nel centro storico della città, fra le pareti domestiche dei suoi antichi edifici, nei paesaggi dei dintorni e nelle più rinomate località lacustri, restituendoci un suggestivo e inaspettato affresco dello spirito e dei valori di un’ epoca.

Il percorso espositivo, curato dalla storica dell’arte Susanna Borlandelli, con la collaborazione di Lucia Molino, responsabile della Collezione della Fondazione Cariplo, si snoderà in tre sezioni: “Una città di provincia dell’Ottocento” con alcune immagini di Novara e citazioni di vita ottocentesca, “Tra città e campagna” in cui la vita delle comunità rurali si alterna alle attività lavorative e alla quotidianità dalla Bassa fino alle Alpi e “Viaggio in provincia” “in treno” con Nunes Vais o “in battello” con Corbelli; sezione che suggerisce di percorrere la provincia lungo le vie d’acqua, per poi risalire alla ricerca dei luoghi che già dal XIX secolo erano meta di viaggiatori e di artisti (Cusio, Lago Maggiore, Mottarone, Valle Anzasca, Val Vigezzo).

Il progetto Artgate e la grande mostra di Novara

Dal 2007 Fondazione Cariplo promuove il progetto Artgate, un insieme di interventi volti alla divulgazione della propria Collezione d’arte (766 dipinti, 118 sculture e 53 arredi e oggetti) e articolato in varie proposte culturali, quali l’allestimento di un sito dedicato (www.artgate-cariplo.it), l’esposizione permanente del nucleo ottocentesco presso Gallerie d’Italia - Piazza Scala (Da Canova a Boccioni), i prestiti di opere d’arte a prestigiose mostre d’arte in Italia e all’estero, la partecipazione ad altri eventi culturali in sinergia con altre istituzioni culturali (ACRI- R’accolte, Google Art Project; FAI, Share your Knowledge). E in attività didattiche rivolte alle scuole (ArtL@b).

In questo scenario si colloca OPEN un’iniziativa che con “Artgate” apre alle Fondazioni di Comunità e al territorio. Un tour di eventi espositivi, costruiti a partire dalla Collezione Cariplo, che mettono in primo piano e testimoniano l’incessante impegno delle Fondazioni di Comunità a favore del benessere e della crescita culturale della propria comunità.

L’arte come strumento di filantropia

Obiettivo di “Open” è mettere in primo piano la vocazione civile e culturale delle Fondazioni di comunità, il loro essere istituzioni che promuovono l’arte come motore di cultura e d’identità, la coesione sociale come elemento imprescindibile per la diffusione del benessere della collettività. E la viva testimonianza dell’attenzione verso la salvaguardia dei valori di identità e di cultura sono espressi attraverso l’arte, a partire dal grande patrimonio artistico di Fondazione Cariplo, affiancato dai patrimoni delle diverse città. I capolavori in mostra intrecciano idealmente un dialogo con l'agire filantropico della Fondazione di comunità, in particolare richiamano la centralità del suo impegno in ambito sociale, fortemente focalizzato sul benessere delle persone nella propria comunità, in particolare dei giovani e delle fasce fragili della società. Il suo essere istituzione proiettate al “creare e fare cultura”.

Il restauro delle opere da parte di FCN

La mostra diventa occasione per il restauro di 12 dipinti della collezione Giannoni, attualmente collocati nei depositi cittadini e che saranno inseriti nel percorso espositivo. Nelle sale del Broletto, infatti, come è noto, trova collocazione solo un terzo del numero complessivo di opere donate da Alfredo Giannoni al Comune di Novara tra il 1930 e il 1938 (circa 900 pezzi).

Il progetto Alternanza Scuola - Lavoro

La mostra è stata l’occasione per coinvolgere gli studenti del Liceo Artistico Musicale e Coreutico “Felice Casorati” di Novara in progetti formativi di alternanza scuola lavoro. Il progetto di Alternanza Scuola Lavoro del liceo “F. Casorati” di Novara, è stato, nel suo insieme, diviso in quattro aree tematiche, tutte precedute da momenti di formazione per gli studenti con esperti dei vari settori:

  1. Area Comunicazione con l’ideazione e la realizzazione di materiali pubblicitari relativi alla mostra (comunicati stampa, artefatti grafici, questionari, cartoline, inviti per specifici target…);
  2. Area Didattica Museale con attività laboratoriali grafiche, pittoriche e plastiche destinate agli alunni della scuola primaria;
  3. Area Documentazione di alcune fasi di restauro delle opere pittoriche attraverso un video girato nel laboratorio del restauratore della mostra e poi montato per raccontare le fasi più significative;
  4. Area Allestimento museografico con la produzione, da parte dei ragazzi, di proposte relative al percorso espositivo.

In mostra è anche previsto uno schermo che riprodurrà, in loop, filmati realizzati dagli alunni del Liceo “Casorati”. E’ a cura degli studenti del Liceo “Casorati” la realizzazione grafica dell’“Annullo filatelico” dedicato alla mostra, ossia un timbro che si appone sul francobollo per fini di collezionismo, allo scopo di impedirne la riutilizzazione.

Un ricco calendario di eventi

Il percorso di visita alla rassegna, non si esaurirà all’interno della sala dell’Arengo, ma si aprirà sulla città e sul territorio, attraverso un fitto calendario di eventi collaterali, organizzati in collaborazione con diversi enti. In occasione della mostra l’Agenzia Turistica Locale della Provincia di Novara (ATL Novara) organizza un calendario di visite guidate gratuite ai luoghi Antonelliani della provincia.
Altri itinerari sono proposti dall’Agenzia Stopover Viaggi; percorsi che offriranno la possibilità, ai visitatori, di scoprire, dal vero, alcuni scorci osservati nei dipinti della mostra e suddivisi in due filoni ben precisi: “Laghi & Sacri Monti” e “Musei del Novarese”.
Durante il fine settimana d’inaugurazione della mostra (6 e 7 maggio), Aiapp sezione Piemonte (Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio) organizza l'appuntamento nazionale “Giardini & Paesaggi aperti” con aperture anche nel Novarese che ampliano l’offerta turistico – culturale dei primi giorni di visita, offrendo un’ulteriore modalità di visita del territorio.
In calendario durante il periodo di esposizione anche una serie di incontri con esperti che affronteranno le tematiche dell’arte e del viaggio.
Grazie all’Archivio di Stato e all’Associazione Scrinium in collaborazione con il Centro Novarese di Studi Letterari è in calendario “Fra viaggio e paesaggio”, ciclo di appuntamenti alla scoperta di alcuni aspetti della cultura ottocentesca con studiosi ed esperti del territorio mentre il Circolo dei Lettori propone gli incontri “Da Giotto a Picasso: artisti in viaggio” un vero e proprio viaggio nei secoli della storia dell’arte, da sempre considerata motore d’ispirazione della creatività umana.